Scoprire l’America

Posted on Posted in Luoghi

Pianificare un viaggio non è mai un’esperienza facile, sotto molti aspetti. Non lo è soprattutto quando si vuole visitare un continente molto lontano, come l’America. Molte volte per visitarla per intero sarà necessario sostarvi per molto tempo, oppure, dovervi ritornare più volte. Ogni volta, però, sarà necessario procurarsi un visto, o doverlo rinnovare. Per evitare questo “problema” esiste un modo per ottenere un permesso d’ingresso illimitato: si tratta della green card. Per ottenere la carta verde si dovrà effettuare una procedura per richiederla; sul sito dello Studio Legale di Carlo Castaldi troverete tutte le informazioni precise e un supporto durante la richiesta.

Benvenuti in Messico

L’America è un continente enormemente vasto e per questo contiene in sé molte tipologie di ambienti e tantissime riserve naturali e parchi.

Tra i luoghi più misteriosi e magnifici dell’America vi sono sicuramente i siti archeologici dell’antica popolazione Maya. Queste si trovano nella penisola dello Yucatan, che con orgoglio conserva questi reperti di un’antica civiltà. Un aspetto molto curioso dei Maya è che, a quanto pare, fossero alti appena 1 metro e 20 centimetri, un’altezza contenuta per la magnificenza delle loro opere. Esistono, quindi, molti siti sparsi per il territorio. Ad esempio
quello di Cobà, il più ampio e interamente circondato dalla giungla. Per raggiungere questo sito, essendo molto
particolare a causa della sua posizione, sono stati individuati tre modi:

  • In bicicletta: è possibile noleggiarne in uno dei negozi posti vicino l’ingresso. Con la bici è possibile muoversi
    liberamente dentro il parco e procedere senza fretta;
  • In risciò: si tratta di una sorta di bicicletta a cui è stata modificata la parte anteriore, rendendola un mezzo in cui è possibile sedersi e venir trasportati in giro;
  • A piedi: si, è possibile visitarlo interamente a piedi, ma si tratta di estrema estensione, infatti, il percorso è lungo circa 2 chilometri, partendo dall’ingresso, e bisogna tener conto anche dei 2 chilometri di ritorno; bisogna essere pronti per una camminata del genere dato che, essendo nella giungla, il caldo sarà soffocante.

Organizzazione del parco di Cobà

Le zone principali del parco sono tre. La prima è Nohuch Mul, dove sorge la piramide maya a cui si ha accesso,
sarà infatti possibile salirne le scale e arrivare fino in cima.
Chichén Itzà è un’altra parte del sito, la quale ospita la bellissima piramide El Castillo, con afflusso costante di
turisti. L’incredibile particolarità di questa piramide è che, durante i giorni dell’equinozio di primavera e quello
d’autunno, avverrà un gioco di luci che, pare, ricreare la figura di un serpente, lungo tutta la scalinata. Il terzo
punto del parco da visitare è Juego de Pelota; si tratta di un campo da gioco.

Lascia un commento