viaggio in polinesia

Viaggio in Polinesia, le tradizioni locali

Posted on Posted in Luoghi

La Polinesia francese è un insieme di isole e arcipelaghi collocati nel lontano Oceano Pacifico. Colonizzata dalla Francia, da questo Paese ha preso in prestito la lingua madre e molte tradizioni. Un luogo splendido, fatto di natura selvaggia, mare da sogno e spiagge paradisiache. Per questo un viaggio in Polinesia viene considerato il sogno di milioni di persone, magari organizzato ad hoc da un’agenzia qualificata come Travel Design. Non solo natura e mare, però, ma anche tradizioni locali e usanze tipiche di un vero e proprio angolo di paradiso in terra. Scopriamole assieme, dalla cucina all’artigianato maori, fino alla religione, la Polinesia ha mille sorprese bellissime.

L’accoglienza e l’ospitalità in Polinesia
La Polinesia è famosa in tutto il mondo per l’ospitalità del suo popolo. Appena si arriva su questa terra, infatti, in genere si viene accolti con canti e balli chiamati “Tamurè”, una danza tipica sensuale e molto scenografica. Si tratta di balletti di benvenuti con cui i polinesiani danno il loro benvenuto ai turisti di ogni parte del mondo. Da questo popolo si impara presto il gesto porta fortuna con una mano chiusa e pollice, indice e mignolo alzati in segno ben augurante. È una specie di saluto, ma è davvero apprezzato dalla popolazione. Attenzione alla legge, visto che le autorità polinesiane prendono molto sul serio la legalità e non ammettono troppe polemiche, come noi italiani. L’ideale è quindi riposarsi e adattarsi il più possibile alle abitudini locali, non badando troppo alla puntualità e non avendo mille pretese.

Le usanze tipiche, dalla cucina all’artigianato
In fatto di cucina tipica, quella polinesiana è una sapiente combinazione di piatti francesi, cinesi e italiani, con alcune specialità come il pesce crudo “alla tahitiana” e il cosiddetto “po’” a base di frutta esotica e latte di cocco. La tradizione maori è poi l’altro aspetto tradizionale conosciuto in tutto il mondo. Le famose maschere di legno, le collane fatte di corallo o gli abiti tradizionali polinesiani fanno ormai parte dell’immaginario comune di chi viaggia. Se poi ci si vuole recare in Polinesia in occasione di qualche festa tradizionale, il consiglio è scegliere l’Hawaiki Nui, una competizione di canoe che si tiene in genere a novembre davvero molto suggestiva. L’ultima cosa da ricordare è la religione. Il popolo polinesiano è infatti molto credente, quindi il suggerimento è sempre quello di avere molto rispetto per la fede e la religione locali.

Lascia un commento